ALTRI PRODOTTI

L'azienda agricola Bellia Claudio non si occupa solo di luppolo ma produce una vasta gamma di prodotti di pregio. Pu vantare il marchio I.G.P. per il radicchio rosso di Treviso e per l'asparago di Badoere e la de.Co. (denominazione comunale) per i suoi piselli.

Radicchio Rosso di Treviso I.G.P. precoce

Il radicchio precoce IGP ha forma allungata ma arrotondata, foglie ben serrate, avvolgenti e compatte, costola larga e corta, lembo fogliare rosso largo solcato da leggere venature bianche, sapore amaro preminente. Non sempre presente la radice fittonante.

Radicchio Rosso di Treviso I.G.P. tardivo

Il radicchio tardivo IGP ha la costola dorsale allungata completamente bianca, lembo fogliare rosso vinoso breve e stretto, con nervature secondarie appena accennate. Le foglie devono essere serrate e avvolgenti, anche se il cespo non risulta perfettamente compatto. Il sapore gradevolmente amaro, croccante, piacevole.

Asparago di Badoere I.G.P.

L’azienda agricola Bellia Claudio, iscritta nel 2008 al Consorzio dell’Asparago di Badoere IGP, la prima azienda certificata dal CSQA (Controllo sulla qualit agroalimentare) della Provincia di Venezia. Produce asparago bianco ed asparago verde, e per entrambi, l’obiettivo principale sempre la qualit.

Orzo

L’orzo un cereale coltivato per l’alimentazione umana ma anche per trasformarlo in malto per la produzione di bevande alcoliche. L’azienda agricola Bellia claudio unisce la coltivazione del luppolo a quella dell’orzo per offrire una gamma completa di prodotti ai birrifici.

Mais

Il mais (Zea Mays) un cereale che sta assumendo a livello mondiale una diffusione e un’importanza crescenti. L’aumento delle superfici investite senza dubbio legato alla sua utilizzazione nel settore zootecnico, pur continuando ad essere, in molti Paesi in via di sviluppo, una delle principali risorse per l’alimentazione umana.

Frumento

Il frumento rappresenta oggi, soprattutto nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l’uomo. Attualmente viene coltivato in tutti i continenti e la produzione mondiale costantemente aumentata negli ultimi anni, raggiungendo nel 1993 i 564 milioni di tonnellate. I principali produttori sono Cina e Canada. I paesi dell’unione Europea, tra cui spicca la Francia, hanno una produzione complessiva pari al 15% del totale mondiale.